Il Vangelo rivelato ai piccoli

James Tissot, 1836-1902 Lasciate che i bambini vengano a me

Ai dodici, che per strada avevano discusso tra loro chi fosse il più grande, Gesù in casa insegna che se uno vuol essere il più grande “se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo e il servo di tutti”. Deposta ogni ambizione, gli apostoli devono restare dietro gli altri, come ultimi, e non tentare di passare avanti. Consapevoli che hanno ricevuto l’autorità non per loro stessi ma per l’utilità comune, devono sottoporsi agli altri, come servi, e non cercare di collocarsi al di sopra degli altri. Via ogni autoritarismo e ogni privilegio! Saranno grandi solo quando, sull’esempio di Gesù che li fa partecipi al loro potere, aiuteranno i fratelli esercitando per il bene della comunità l’incarico ricevuto. Adinolfi-Bruzzone, Viaggio del cuore in Terra Santa, Piemme, Avellino, 2000, 51.

Chiunque desidera conquistare il vertice della Divinità, cerchi l’umiltà più profonda; chiunque vuole superare il fratello nel regno, prima lo superi nell’ossequio, come dice l’Apostolo: Superandosi vicendevolmente nel rendervi onore (Rm 12, 10), lo superino nel servizio, per poterlo superare nella santità.

Massimo da Torino, sermoni 48, 1-2.

Il Vangelo rivelato ai piccoli