Matilde Serao, (1856-1927)

Matilde Serao

Nel paese di Gesù, Napoli 1907

Giornalista e cronista italiana, la Serao si dedica alla stesura del libro Nel paese di Gesù dopo il suo viaggio in Palestina avvenuto nel 1893, in cui descrive tutta la Terra di Palestina fino alla regione della Galilea. Di questa zona dipinge in maniera molto bella il lago di Tiberiade e Cafarnao, ridando vita a tutti gli episodi dei Vangeli:

E’ laggiù, alla sinistra di Tiberiade che sorgevano Bethsaida, la patria di san Pietro e Capharnaum dove Cristo volle fare i suoi miracoli più nobili più alti: le due città, dove invano furono fatti i miracoli, sono cadute in rovine: ma voi sognate che esse sieno ancora colà, bianchissime fra le ginestre gialle, fra l’acuto odore di lavanda. Se aguzzate gli occhi, vi par di vedere Magdala, il piccolo paese della grande penitente. Nella notte, fra le molli freschezze di Sorìa, rasentando con lo sguardo la superficie tranquillissima di quel lago, voi pensate alla piccola e grezza barca, dove Egli si lasciava condurre così volentieri, immerso in un sublime pensiero: alle sue gite, dove egli umilmente teneva compagnia ai poveri pescatori e li aiutava a gittar le reti e a ritirarle, e benediceva tacitamente il loro lavoro, e le pesche erano miracolose: alla giornata di bufera, quando i suoi apostoli tremarono così fortemente per la loro vita ed egli fece tranquillizzare il lago furente, con un cenno della mano: e al torbido, nubiloso pomeriggio, in cui, a un tratto, lo videro camminare sul mare di Genesareth, mirabilmente. Qui! Tutto tace. Siete solo. Una dolcezza immensa vi strugge il cuore di essere qui, dove la sua istoria ebbe il suo periodo più alto e più efficace: una tenerezza soffoca il vostro cuore, mentre vi chinate a interrogare le acque che egli amò, ove vi pare corra, come soffio divino, la sua parola di bontà, di carità. Qui!”

Nel paese di Gesù, Napoli 1907, p. 290