Villibaldo di Eichstätt, (704 – 787/788 d.C.)

Villibaldo

Itinerarium Sancti Willibaldi, 723-726 d.C

Villibaldo, figlio del Re Sassone Riccardo e fratello di S.Vinnebaldo, nasce nel 704 e dopo la guarigione miracolosa da una brutta malattia, diventerà oblato del monastero di Waltheim nell'attuale Hampshire. Decide di recarsi in pellegrinaggio prima a Roma e poi in Terra Santa. Il viaggio, lungo, sfiancante, pieno di rischi e pericoli, è descritto con dovizia di particolari, sotto dettatura dello stesso Willibald, alla monaca di Heidenheim e rappresenta una delle principali fonti, relative a viaggi e itinerari di pellegrini dell'alto medioevo. Sotto riportiamo parte della descrizione del suo viaggio nei pressi del sito di Cafarnao:

“Da lì continuarono fino alla città chiamata Tiberiade. Questa città sta sulla riva del mare, dove il Signore camminava sopra a piedi asciutti, mentre Pietro, camminando sulle onde verso il Signore, affondava. In quella zona vi sono molte chiese e una sinagoga dei Giudei, ma anche un grande onore del Signore.
Là (i nostri pellegrini) restarono per alcuni giorni; e il Giordano passa in mezzo a quel mare. Essi camminarono attorno al mare e passarono presso il villaggio di Magdala. E giunsero a quel villaggio di Cafarnao dove il Signore risuscitò la figlia del capo e là vi fu una casa e un muro grande. La gente del luogo diceva, che là abitavano Zebedeo e i suoi due figli Giovanni e Giacomo.
Poi continuarono fino a Betsaida: di quel luogo erano Pietro e Andrea: adesso si trova una chiesa sul luogo dov’era la loro casa. Là si fermarono una notte; la mattina(seguente) andarono a Corozain, dove il Signore guarì i posseduti dal demonio e mandò il diavolo nel branco dei porci. Là vi era una chiesa cristiana.”

Monaca anonima di Heydemhein, Itinerario di San Wullibaldo, cap. 14